La Valle di Cembra

L’edificio attuale, in stile gotico, venne probabilmente realizzato da Michele del fu Francesco di Gardena nel secondo decennio del XVI secolo.

L’ingresso è preceduto da un portico con raffinati elementi lapidei donati dalla famiglia a Prato.

All’interno gli affreschi con decorazioni vegetali della volta, analoghi a quelli della Chiesa di San Pietro in Cembra, sono datati verso la metà del ‘500.

Un quadro votivo collocato su una parete laterale nell’area presbiteriale, rappresenta la Battaglia di Segonzano del 2 novembre 1796. In alto: la SS. Trinità, l’Immacolata e i santi Rocco e , in basso i momenti più salienti degli scontri avvenuti tra l’esercito napoleonico e le truppe asburgiche. Si riconoscono facilmente le chiese, alcune frazioni, le piramidi di terra e il castello di Segonzano.

Degna di nota è la Madonna dell’Uva. La scultura lignea policroma, collocata nell’attuale altare barocco, proviene probabilmente dal precedente altare a portelle gotico.

La chiesa è meta di una processione annuale, che ha luogo a inizio luglio. I pellegrini vi scendono a piedi da Cembra e Faver. Secondo la tradizione la prima processione avvenne in seguito a un violento temporale avvenuto il giorno 2 di luglio di un anno imprecisato, accompagnato da una bufera di neve che compromise l’intero raccolto.